L'esame per l'agente assicurativo è il passo finale che porta colui che vuole intraprendere questa carriera ad essere iscritto al registro del RUI e avere l'autorizzazione ad operare sul territorio. Nel caso delle assicurazioni automobilistiche, il ruolo del soggetto assicuratore viene ricoperto dalle cosiddette agenzie di assicurazione, il cui principale attore è appunto l'agente assicurativo. Vediamo perciò nel dettaglio quali suono i ruoli dell'agente assicurativo in modo da poter esser sicuri di ricevere un servizio adeguato da parte delle nostre agenzie di riferimento.

Attività 

Dopo aver passato l'esame per l'agente assicurativo, egli deve sapere gestire il proprio ruolo e rispettare i compiti che vengono dalla sua posizione. Per questo motivo, uno dei ruoli principali dell'agente assicurativo e senza dubbio quello di realizzare la formazione e l'aggiornamento, nonché l'informazione, di tutti i propri collaboratori. Per fare questo deve essere il primo ad approfondire ed organizzare e reperire tutte le informazioni relative alla propria attività, verso cui deve mostrare la massima competenza professionale, garantendo la motivazione della squadra e la soddisfazione del cliente.

Come è organizzato il suo lavoro

E' importante, dunque, che l'agente assicurativo organizzi e monitori l'attività dell'agenzia, facendo conseguire al proprio gruppo di lavoro gli obiettivi prefissati fornendogli al giusta motivazione e competenza. Verso i clienti, l'agente assicurativo deve dimostrare di sapere analizzare la situazione che ha di fronte, gestendo al meglio le richieste del cliente. Questo avverrà attraverso l'individuazione e la proposta di soluzioni adatte a ogni tipologia di richiesta da parte del cliente.

Il ruolo 

Il ruolo è dunque quello di operare per conto di una compagnia di assicurazione, allo scopo di vendere e gestire in un determinato territorio il prodotto fornito, ovvero l'assicurazione auto. L'agente, dunque, ha in gestione una propria struttura operativa con tanto di collaboratori. Le figure che rientrano fra i collaboratori dell'agente assicurativo sono produttori, sotto-agenti assicurativi, addetti all'amministrazione dell'agenzia. Tutti questi soggetti operano nell'agenzia col fine di acquisire una clientela, mantenendo rapporti con essa e assistendola in caso di necessità.

Forma e aggiorna i propri collaboratori, andando a gestire la pianificazione delle attività e i rapporti economici nonché operativi e amministrativi tra l'agenzia stessa e la compagnia di assicurazioni di cui fa parte. L'agente assicurativo di norma riceve come compenso per il proprio lavoro una quantità di denaro denominata provvigione, in base al numero di contratti stipulati con i clienti nel corso di un determinato periodo.

Normativa che regola l'attività dell'agente assicurativo

La professione dell'agente assicurativo è regolata da una serie di norme giuridiche che possiamo trovare contenute nel Decreto Legislativo del 7 settembre 2005, n. 209 “Codice delle assicurazioni private”, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.239 del 13/10/2005.

Dunque, stando a quanto riportato da questo testo giuridico, un soggetto che vuole svolgere la professione di agente assicurativo deve ufficializzare l’iscrizione nella sezione A del Registro Unico degli Intermediari assicurativi e riassicurativi – RUI, disciplinato dal Regolamento ISVAP (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo) n. 5 del 16 ottobre 2006 e disponibile dall’1 febbraio 2007. 

Dall’introduzione della nuova normativa, l’ISVAP, divenuto dal 1 gennaio IVASS (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni), ha disciplinato la materia cercando di tutelare l’interesse del consumatore. Le due figure principali del RUI, agente assicurativo e broker, devono infatti sostenere l'esame per l'agente assicurativo di Stato per poter ottenere la qualifica ed avere l’autorizzazione ad operare sul territorio. Ricordiamo che il RUI è composto da cinque figure: oltre alle due già citate, ci sono poi i collocatori di polizze (lettera C), le società (lettera D) e i sub-agenti (lettera E).

Di norma l'assicurazione è un vero e proprio contratto stipulato fra un soggetto (detto assicuratore) che riceve una somma di denaro, che lo obbliga a risarcire il soggetto pagante, detto assicurato, in caso vengano da questi subiti i danni indicati nel contratto stesso. Nel caso delle assicurazioni automobilistiche, il ruolo del soggetto assicuratore viene ricoperto dalle cosiddette agenzie di assicurazione, il cui principale attore è appunto l'agente assicurativo. Vediamo perciò nel dettaglio quali suono i ruoli dell'agente assicurativo in modo da poter esser sicuri di ricevere un servizio adeguato da parte delle nostre agenzie di riferimento.

L'esame per l'agente assicurativo: ecco in cosa consiste

Dal 10 gennaio sono aperte le iscrizioni per sostenere l'esame per l'agente assicurativo. In questa categoria rientra anche l'esame per l'agente assicurativo, figura A del Registro Unico degli Intermediari, denominato RUI. Le iscrizioni hanno avuto come termine di scadenza la data del 25 febbraio.

Il Corso 

Esame per l'agente assicurativo

Per arrivare preparati all’esame per l'agente assicurativo, si può scegliere una preparazione autonoma oppure si può decidere di seguire dei corsi con videolezioni e materiali in allegato. E’ sempre utile però informarsi bene prima di scegliere il corso, in quanto si deve valutare la validità del corso stesso e se effettivamente esso dà una preparazione conforme a quello che sarà l’esame per l'agente assicurativo finale. La preparazione verterà sia sulla parte tecnica delle polizze auto che su quella fiscale e delle esigenze del consumatore.

La prova finale per diventare agente assicurativo

L’esame per l'agente assicurativo dell’ISVAP è molto selettivo così che diventare agente assicurativo, o più generalmente entrare a far parte della categoria degli intermediari assicurativi, è molto arduo. Sono molte infatti le richieste che pervengono all’ISVAP (sul sito ufficiale si può trovare il link per la domanda di iscrizione on line) per sostenere l’esame per l'agente assicurativo ma in realtà sono pochissimi quelli che lo superano. Il vero scoglio è rappresentato dalla prova scritta, con domande molto tecniche che richiedono una preparazione eccellente e accurata in tutti i campi assicurativi. In quest’analisi le percentuali parlano chiaro: negli ultimi anni i promossi sono diminuiti, tanto che si è passati da un 17% del 2009 a meno del 10% nell’ultimo anno. In definitiva, bisogna saper scegliere il corso giusto e prepararsi minuziosamente per avere chance di superare l'esame.

Autore: Enrico Mainero LinkedIn
Immagine di Enrico Mainero

Dal 2011 Direttore Responsabile e Amministratore unico di ElaMedia Group SRLS. Mi dedico prevalentemente all'analisi dei siti web e alla loro ottimizzazione SEO, con particolare attenzione allo studio della semantica e al loro posizionamento organico sui motori di ricerca. Sono il principale curatore dei contenuti di questo Blog (assieme alla Redazione di ElaMedia).